Cernitrici magnetiche con alimentatore vibrante CMS/CMD

Come le CMTM, le CMS/CMD hanno un campo d’azione diversificato. La principale applicazione è recuperare/separare il materiale ferroso da un flusso di materiale granulare – tipo trucioli o flakes – in cui il materiale di processo, prima di alimentare il tamburo magnetico, viene distribuito ed allargato da un alimentatore vibrante su tutta la larghezza attiva del tamburo magnetico al fine di garantire la massima efficienza di separazione.

Come funzionano

Il materiale di processo cade sull’involucro amagnetico rotante, le intrusioni ferromagnetiche vengono attratte dal tamburo magnetico e rilasciate nello scarico posteriore seguendo la rotazione dell’involucro amagnetico, qui, vengono raccolte in un contenitore. Il materiale di processo esente dalle intrusioni cade nello scarico anteriore della cernitrice.

Le intrusioni ferromagnetiche sono attratte dal campo magnetico statico del tamburo e separate così dal materiale di processo, vengono trattenute sul cilindro amagnetico rotante finché raggiungono la zona di scarico posta al di fuori del campo magnetico. A questo punto in base al tipo di recupero si può decidere se passare su un secondo tamburo (CMD) o il materiale inerte per ottenere una migliore pulizia dell’inerte oppure ripassare la parte ferromagnetica per ottenere una migliore pulizia di questa frazione (qui si avranno tre “scarichi”: 1° inerte, 2° Inerte misto con frazione ferromagnetica, 3° materiale ferromagnetico).

In base al materiale da trattare ed al tipo di risultato che si vuole ottenere il tamburo magnetico secondario può essere realizzato con una differente forza di attrazione magnetica rispetto al primario. Anche le velocità di rotazione possono essere comandate da inverters (optional)