alcuni lavori realizzati

 

Separatori magnetici permanenti a nastro SM

Nel settore del riciclaggio di materiali quali legno, plastica, vetro, metalli ferrosi e non, etc., negli impianti di recupero di scorie e rottami, come negli impianti di selezione di RSU e RAEE, in quelli di frantumazione degli inerti o di macinazione dei minerali, trovano vastissimo impiego i Separatori permanenti a nastro (SM) per l’estrazione e il recupero di intrusioni ferromagnetiche presenti nel materiale di processo inerte.

Come funzionano

Queste macchine, definite overbelt (o overband), sono essenzialmente costituite da un magnete attorno al quale gira un nastro (chiamato nastro estrattore). Il magnete attrae il materiale ferroso, che viene trasportato dal tappeto in un’apposita zona di scarico.

In base alle esigenze del processo di separazione, possono essere installati in quota o al suolo, trasversalmente o longitudinalmente al flusso di materiale. La macchina risulterà dunque sospesa al di sopra il materiale da separare in modo che sia possibile regolare sia la distanza tra magnete e nastro trasportatore, sia l’inclinazione del separatore.

I separatori SM si distinguono per la tipologia di magneti permanenti utilizzati: Ferrite: magnete molto diffuso riesce a resistere a temperature elevate (fino a 300°) e genera un profondo campo magnetico.
Terre rare (neodimio ferro boro): ad elevata induzione magnetica ed elevatissima forza coercitiva è per tali ragioni maggiormente idoneo per la separazione di materiali di piccole dimensioni o per materiale inglobato all’inerte (es. vetro retinato).

Gauss Magneti offre anche la versione a norma ATEX 20, 21, 22 per ambienti polverosi e a rischio di incendio

In molti settori e condizioni di lavoro il separatore a magneti permanenti risulta più conveniente per i vantaggi di seguito riportati

  • Elevato risparmio energetico poiché il magnete permanente non richiede energia
  • Prestazione magnetica costante nel tempo anche a regime continuo.

Scarica i cataloghi in PDF